Una storia di peste: recensione di Requiem

Un conte de peste : Requiem Critique

A Plague Tale, il seguito del gioco infestato dai topi di Asobo Studio: Requiem, continua ad alzare la posta in gioco e a spingere i nostri giovani eroi, Amicia e Hugo, attraverso le prove del XIV secolo, fuggendo dai campi di battaglia e verso una feroce pandemia che si sta diffondendo attraverso il paese. Ma soprattutto, il nuovo gioco mostra un’enorme crescita. Eleva il franchise mantenendo la semplicità e l'essenza del primo gioco, aggiungendo solo un nuovo livello di profondità e migliorando tutto ciò che ha funzionato così bene la prima volta.

CORRELATO: Uncharted: Legacy of Thieves Collection: recensione per PC – Un gioco che funziona come un sogno

A Plague Tale: Innocence è stato sviluppato da Asobo Studio. È un gioco di sopravvivenza ambientato nella Francia medievale durante la Guerra dei Cent'anni e la Morte Nera, con elementi horror popolari. Segue la storia di due fratelli, Amicia e Hugo de Rune, e la loro disperata lotta per sopravvivere mentre cercano di curare Hugo dalla sua misteriosa malattia.

Il gioco è stato pubblicato da Focus Entertainment a maggio 2019 e i giocatori si sono subito innamorati della storia di Hugo e del mondo mozzafiato in cui è raccontata. Con la sua trama emotivamente risonante, combinata con missioni intense e interessanti che coinvolgono sequenze di inseguimenti e sezioni stealth, non c'è dubbio sul motivo per cui il titolo stealth ben realizzato sia diventato un così grande successo.

I fan del primo gioco erano curiosi di sapere cosa fosse successo ai fratelli dopo gli eventi del primo gioco, quindi quando nel giugno 2021 è stato annunciato che ci sarebbe stato un seguito della pluripremiata avventura A Plague Tale: Innocence, l'eccitazione dei fan ha continuato a crescere. Ora finalmente ce l'hanno e sperano tutti che A Plague Tale: Requiem sia radicato nella realtà come lo era il gioco originale.

Diamo un'occhiata a entrambi i giochi e a cosa possono aspettarsi i giocatori giocando alla nuova avventura di Amicia e Hugo.

CORRELATO: Mario + Rabbids: Sparks of Hope: Recensione – Una nuova avventura su scala cosmica

A Plague Tale: Innocence – Cosa è successo nel primo gioco?

In A Tale of the Plague: Innocence, incontriamo due fratelli di nobile nascita che vivevano in Aquitania all'inizio della Guerra dei Cent'anni: Amicia, una giovane adolescente il cui padre (Robert) insegnò a cacciare, e il suo fratellino Hugo, malato dalla nascita e separato dal resto del patrimonio mentre sua madre (Béatrice) cerca di trovare una cura. A causa di questa separazione forzata, non si sono mai veramente legati tra loro.

Il loro dominio viene presto invaso dall'Inquisizione, che cerca Hugo e massacra chiunque si trovi sul loro cammino. Beatrice li aiuta a scappare e, prima di essere uccisa, incarica Amicia di portare Hugo da Laurentius, un medico che potrebbe avere una cura per la malattia di suo fratello. I fratelli si recano al villaggio dove scoprono che il Morso (Morte Nera) è diffuso da sciami di topi e che l'Inquisizione li sta cercando, il che significa che devono evitare gli abitanti del villaggio.

Quando trovano Laurentius, si scopre che è malato a causa del morso. Implora Amicia di finire il lavoro di sua madre e la sua casa viene presto invasa dai topi, costringendo i fratelli e Lucas, l'apprendista di Laurentius, ad andarsene. Insieme, iniziano un viaggio verso il castello di Umbridge, un antico castello che un tempo apparteneva alla famiglia di Rune. Lungo la strada, Lucas spiega che la loro madre e Laurentius stavano cercando di creare un elisir che alleviasse i sintomi di Hugo causati dalla Prima Macula portata dal suo sangue (un'antica maledizione soprannaturale che è rimasta dormiente in alcune stirpi nobili sin dalla peste di Giustiniano). e che il Grande Inquisitore di Francia, Vitalis Benevento, stava cercando Hugo per la Prima Macula.

I due fratelli vengono catturati, ma riescono a scappare velocemente con l'aiuto di Arthur e Mélie (ladri gemelli). Sfortunatamente, durante la fuga al castello della Umbridge, Arthur viene catturato. Mélie decide di andare a salvare suo fratello, mentre Amicia e Lucas continuano a cercare di creare l'elisir che aiuterà la maledizione di Hugo.

Si scopre che Lucas ha bisogno di mettere le mani sul Sanguinis Itinera (un libro vietato), quindi Amicia va a ritirare i libri all'università. Fugge dopo il furto con l'aiuto di Rodric, un giovane fabbro, e torna al castello dove trova Mélie e Arthur, che è riuscito a liberarsi dalla sua cattura.

Arthur rivela ad Amicia che sua madre è ancora viva e lei dice loro che nessuno dovrebbe dirlo a Hugo, ma suo fratello ascolta la conversazione e la sua rabbia fa peggiorare le sue condizioni.

Lucas spiega ad Amicia che per portare avanti la ricerca, creare l'elisir e aiutare le condizioni di Hugo in rapido peggioramento, avranno bisogno di attrezzature di laboratorio molto più avanzate di quelle che hanno allo Chateau Umbridge. Non vedendo altra opzione, decidono di tornare nel dominio di Rune.

Una volta arrivati, iniziano a cercare la ricerca e il laboratorio di Beatrice, che alla fine trovano tra le antiche rovine romane. Alla fine l'elisir viene creato e lo danno a Hugo, che si riprende rapidamente dalla maggior parte dei suoi disturbi.

La sua rabbia verso la sorella lo spinge a scappare e a unirsi all'Inquisizione nella speranza di ritrovare sua madre. Vitalis finalmente mette le mani sul ragazzo e si inietta un po' del sangue di Hugo in modo che anche lui possa possedere il potere della Prima Macula. Sfortunatamente per Vitalis, l'elisir ha rallentato il suo sviluppo.

Hugo scappa e continua a cercare sua madre, che alla fine trova. Gli rivela che con Prima Macula nel sangue, ha ricevuto il potere di controllare i topi portatori della Morte Nera. I due uomini vengono catturati prima che possano andare oltre e, per costringere i poteri di Hugo a risvegliarsi completamente, Vitalis minaccia la vita di Beatrice.

Nel frattempo veniamo rimandati al castello della Umbridge con Amicia e gli altri, che stanno ancora cercando Hugo. Un mese dopo, il vecchio castello viene improvvisamente attaccato da un Hugo a cui è stato fatto il lavaggio del cervello, con Nicholas e un'orda di topi al suo fianco. Nicholas uccide Arthur e poi ordina al ragazzo di uccidere Amicia, ma lei gli riporta Hugo e gli fa respingere l'Inquisizione. I due fratelli si rivoltano quindi contro Nicholas, Hugo si lascia divorare dai topi prima di partire per affrontare Vitalis e liberare la madre. Mentre si dirigono verso il Bastione, Rodric si sacrifica per proteggerli.

Quando arrivano, Vitalis li aspetta con un esercito di ratti bianchi che solo lui è capace di comandare. Insieme, Hugo e Amicia lo sopraffanno e alla fine lo uccidono.

Dopo tre giorni, la peste e i topi se ne sono andati e la vita comincia a tornare alla normalità. Sfortunatamente per i restanti membri della famiglia di Rune, le persone sono diffidenti nei confronti di Hugo e del suo potere. Anche Mélie, che decide di allontanarsi dal gruppo.

Amicia, Hugo, Lucas e Béatrice, sofferenti, partono alla ricerca di una nuova vita.

A Plague Tale: Innocence termina con una nota triste ma piena di speranza, con Amicia e Hugo che giocano tra loro mentre cavalcano in lontananza, mostrando perfettamente quanto i fratelli si siano legati durante il gioco.

CORRELATO: Sessione: Skate Sim: recensione del gioco – Aspettatevi alcune divertenti eliminazioni!

Cos'è A Plague Tale: Requiem?

Trailer cinematografico

Il nuovo trailer di A Plague Tale: Requiem inizia con Lucas, Amicia e Hugo che giocano tra le rovine di un vecchio castello. Il tono ottimista dell'inizio cala rapidamente quando si parla di isolare Hugo e Amicia scopre che suo fratello minore è stato condannato a morte dalla Prima Macula che porta ancora nel sangue.

Poi vediamo i segni del morso che ritornano e Lucas spiega che non sta iniziando, ma si sta diffondendo. Siamo portati a credere che il responsabile sia Hugo, anche se non è intenzionale.

Amicia è determinata a salvare suo fratello e crede che se lo porterà su un'isola, lì troverà segreti che lo salveranno dal suo destino e riporteranno il mondo alla normalità.

Vediamo poi che i ratti sono effettivamente tornati, ma che non sono più solo piccole orde che coprono i pavimenti e rendono difficili le aree da attraversare. Ora li vediamo in ondate impetuose, capaci di distruggere intere città.

Amicia farà chiaramente tutto il possibile per proteggere suo fratello, anche ucciderlo, e Hugo dovrà combattere la distruzione e la totale devastazione causate dalla sua maledizione e dalle orde di topi che ne derivano.

Sarà un ottovolante emotivamente faticoso sia per i fratelli che per i giocatori, e i fan non vedono l'ora di iniziare il viaggio.

CORRELATO: Recensione del Dakar Desert Rally – Solo per corridori seri

La storia

Una storia di peste: recensione di Requiem

Sei mesi dopo gli eventi di A Plague Tale: Innocence, ci ritroviamo nuovamente catapultati nel mondo di Amicia e Hugo. In A Plague Tale: Requiem stanno entrambi molto meglio e si divertono in campagna a giocare con Lucas, che si scusa subito perché deve riprendere gli studi. Amicia e Hugo continuano a giocare insieme e incontrano un ragazzino di nome Tonin, che parte subito per aiutare i suoi fratelli nel loro lavoro.

Cominciano a esplorare le rovine di un castello ma incontrano rapidamente problemi. Hugo cerca di usare i suoi poteri per salvare Amicia, ma viene gettato in un paesaggio da sogno con una fenice. Segue l'uccello fino a una fonte d'acqua che lo guarisce e rimuove l'oscurità che aveva cominciato a impossessarsi del mondo intorno a lui.

Hugo comincia ad ammalarsi di nuovo e viene sopraffatto dai suoi poteri, portando con sé i topi e la distruzione che hanno portato con sé, anche se questa volta sono più devastanti che mai. Viene detto loro che Hugo morirà a causa della Prima Macula, ma Amicia rifiuta di accettare che questa sia la fine di suo fratello, così i due si mettono in viaggio per seguire i richiami dell'isola e scoprire una cura definitiva per i suoi disturbi. affinché possa finalmente vivere una vita normale.

Incontrano alcuni nuovi personaggi lungo la strada, alcuni che tradiscono la loro fiducia e altri che non gli piacciono davvero, ma alla fine diventano i più affidabili man mano che le loro avventure progrediscono e affrontano le forze di un altro mondo con il loro aiuto.

In A Plague Tale: Requiem, Amicia deve affrontare il trauma emotivo che subisce dall'uccisione dei suoi nemici. Vuole danneggiare il mondo che danneggia suo fratello e non ha paura di fare ciò che serve per assicurarsi che sopravviva a questa guerra.

CORRELATO: Marvel’s Spider-Man 2: cosa speriamo di vedere

Personaggi vecchi e nuovi

Una storia di peste: Requiem

I giocatori incontreranno molti personaggi diversi durante il loro viaggio attraverso il violento mondo di A Plague Tale: Requiem e ognuno di loro è interpretato da un incredibile doppiatore che fa del suo meglio per dare vita alla storia. Alcuni di loro diventeranno presto amici, altri tradiranno i personaggi principali per avere la possibilità di una vita migliore, e alcuni finiranno per sorprendere i giocatori con la svolta che prenderanno.

Amicia de Rune (interpretata da Charlotte McBurney) è il personaggio principale di entrambi i giochi. Addestrata a cacciare da suo padre e avendo pochissimi contatti con il fratello malato durante l'infanzia, viene nominata protettrice di suo fratello e trascorre l'intero secondo gioco facendo tutto il possibile per assicurarsi che Hugo sopravviva alla sua malattia nella Francia afflitta dalla peste. campagna.

Hugo of Rune (interpretato da Logan Hannan) è il deuteragonista di entrambi i giochi. Si tratta di un ragazzo che ha trascorso tutta la sua vita in isolamento e che, di conseguenza, non sa quasi nulla del mondo esterno, ma a cui piace comunque attraversarlo, preferendo di gran lunga i pericoli esterni a quelli interiori che ha dovuto sopportare . Quando la sua malattia comincia a peggiorare e a minacciare la sua intera esistenza, lui e Amicia partono alla ricerca di un'isola che crede possa curarlo.

Lucas (doppiato da Kit Conner) è stato il primo apprendista di Laurentius e ora l'apprendista di Beatrice. Trascorre molto tempo aiutando Amicia a trovare una cura per il fratello malato e diventa un buon amico di entrambi i fratelli.

Beatrice de Rune (doppiata da Lucy Briggs-Owen) è la madre di Amicia e Hugo. È un'alchimista che si è sposata con un nobile e trascorre molto tempo cercando di trovare una cura per la malattia di suo figlio.

Arnaud (voce di Harry Myers) è un ex cavaliere. Guida un gruppo di mercenari durante la Guerra dei Cent'anni. Amicia all'inizio non si fida completamente di lui, ma alla fine diventa un buon amico.

Sophia (doppiata da Anna Demetriou) è una leader dei pirati con cui Amicia e Hugo fanno amicizia durante il loro viaggio. Li aiuta a portare Hugo sulla sua isola e cerca un modo per allontanarsi dalla sua vita da pirata.

Sono accompagnati da Victor (voce di Alistair Petrie), Emilie (voce di Ellie Heydon), Vaudin (voce di Anthony Bryne), Joseph (voce di Ruben Crow) e Milo (voce di Joplin Siptain).

Come nel gioco precedente, ogni personaggio porta una nuova interessante dinamica in A Plague Tale: Requiem, così come la propria storia. Se i giocatori piangono per i loro personaggi preferiti alla fine del gioco, è perché gli sviluppatori hanno fatto bene il loro lavoro.

CORRELATO: 15 ottimi consigli per iniziare con Disney Dreamlight Valley

Il gioco

Gioco

In A Plague Tale: Requiem, giochi nei panni di Amicia in terza persona e affronti soldati, mercenari e topi. L'esperienza è simile a A Plague Tale: Innocence, ma il sistema di combattimento è stato ampliato per includere una varietà di armi. Amicia ora può usare la sua fionda, così come un coltello e una balestra per sconfiggere facilmente i suoi nemici. Ha anche una varietà di strumenti e miscele alchemiche che le permettono di superare gli enigmi ambientali che le si presentano.

Non morirà più dopo un singolo colpo e la sua azione furtiva è stata leggermente migliorata. I giocatori possono apprendere abilità e diventare più efficienti nel loro approccio preferito al gioco. Coloro che preferiscono la furtività possono sviluppare e migliorare le proprie abilità furtive, consentendo loro di oltrepassare più facilmente i nemici e attraversare aree diverse, mentre i giocatori che preferiscono un approccio più letale possono farlo. migliorare le loro abilità di combattimento ed eliminare i nemici in diversi modi.

Come nel gioco precedente, i ratti svolgono ancora una volta un ruolo importante nel gameplay. Hanno ancora un'avversione per la luce e Amicia è ancora in grado di manipolare i ratti e usarli a suo vantaggio, allontanandoli con la luce per risolvere enigmi e liberare percorsi o attirandoli verso i suoi nemici. Anche l'abilità di Hugo di controllare i ratti è utile in quanto può comandare loro di sopraffare un nemico e il suo legame con la peste gli permette di utilizzare l'abilità “Eco”, attraverso la quale può scoprire la posizione di diversi nemici, anche attraverso i muri.

I giocatori possono scoprire il proprio percorso attraverso le diverse missioni assegnate loro e le nuove località che incontrano.

La storia di Amicia e Hugo è straziante. Entrambi i personaggi intraprendono un viaggio emotivo che li porta a decisioni difficili e perdite sfortunate. È bello vedere l’amore di due fratelli resistere all’indifferenza del mondo che li circonda.

I giocatori potranno prendere parte a questo viaggio mozzafiato in 4K su PlayStation 5 e Xbox Series X. Una versione cloud di A Plague Tale: Requiem sarà disponibile anche per gli utenti Nintendo Switch.

CORRELATO: Una funzionalità YouTube rivoluzionaria è stata scoperta da un utente PS5

A Plague Tale: Recensione del gioco Requiem

C'è qualcosa di molto vicino a The Last of Us in A Plague Tale: Requiem. Coloro che hanno giocato all'esclusiva PlayStation di Sony noteranno una sensazione di familiarità qui.

Fin dal primo capitolo siamo immersi in un gioco a nascondino con Amicia e Hugo de Rune nel contesto della Francia del 1349. È un modo molto intelligente di introdurre i personaggi e insegnare ai giocatori il gioco di sopravvivenza Stealth necessario per sopravvivere. nel mondo. Ma come The Last of Us, non appena ti abitui ai controlli, il gioco prende una svolta oscura. Dovrai utilizzare rapidamente le abilità che hai appena imparato per sopravvivere alle minacce di parassiti, abitanti dei villaggi, guardie di pattuglia e altre situazioni pericolose. È un'apocalisse d'altri tempi e invece di orde di zombi dovrai affrontare un mare di ratti mortali.

E non è qui che finiscono le somiglianze tra i due giochi horror. Entrambi sono ricchi di storia, entrambi sono pieni di enigmi, entrambi richiedono di creare armi e raccogliere munizioni, entrambi hanno un modo di trascinarti in un mondo minaccioso ed entrambi hanno personaggi accattivanti e tristi per i quali non puoi fare a meno di provare compassione. perché – sono la vita e l’anima di entrambi i titoli. Inoltre, come The Last of Us, Requiem si concentra su come gli atti di violenza hanno cambiato e influenzato Amicia.

Tuttavia, considerando la diversa ambientazione, le diverse armi e i poteri di controllo dei topi di Hugo, A Plague Tale: Requiem non è solo una copia di The Last of Us.

Se ti piacciono i giochi che sembrano film, qui ti sentirai a casa. La campagna di 18 ore si svolge come una serie televisiva ben prodotta e Asobo mostra la sua abilità artistica storica con disinvoltura. Tutto è vivo e ovunque si muova la telecamera, la bellezza è mozzafiato o le ambientazioni sono da incubo. Nel bene e nel male, la Francia del XIV secolo sembra molto reale. Asobo lo ha riportato in vita: la malattia, la povertà, la sporcizia, le lotte e tutto il resto.

In breve, A Plague Tale: Requiem è fantastico. E anche se alcuni potrebbero trovare il gameplay piuttosto difficile e spietato, compensa le ardue sfide premiando i giocatori con una splendida colonna sonora, filmati realistici, dialoghi ben scritti e una trama avvincente che vorrai vedere fino alla fine. .

Revisione

Una storia di peste: Requiem

Revisione dettagliata

  • Gioco
    0%

  • Grafica
    0%

  • Rigiocabilità
    0%

  • Suono e musica
    0%

  • Storia
    0%